"Who is this great burdensome slavering dog-thing
that mediocres my every thought?
I feel like a vacuum cleaner a complete sucker!
Its fucked up and he is a fucker!"

("We Call Upon The Author", 2008)


caption

Degli anni passati in sud america vi è testimonianza in The Good Son, album contenitore di alcuni aspetti tipici della musica tradizionale brasiliana.

Melodia e malinconia riecheggiano in questo disco dove, brani lenti e armoniosi – come The Weeping Song (famoso duetto con Blixa), The Ship Song e Lucy – sono i maggiori spunti di uno dei dischi più amati dalla critica.

Il cambiamento, senza mai restare sotto i subdoli giochi di mercato, è una delle caratteristiche predominanti sia del Nick Cave uomo sia del musicista, ed in Henry's Dream i toni tornano ad essere duri e la musica lascia molto più spazio del consueto a chitarre distorte ed ossessionate.

Papa Won't Leave You Henry, Jack The Ripper e Brother, My Cup is Empty sono brani che tengono, al solito, i lavori di cave su uno standard qualitativo molto alto.

Dopo la pubblicazione di un intermezzo live – Live Seeds – nel 1992, il seguito arriva due anni dopo con l’uscita dell’album Let Love In. Questo lavoro sembrerebbe essere il prologo di una sorta di trilogia comprendente i successivi Murder Ballads (1996) e The Boatman’s Call (1998).

Con ‘Let Love In’, come da titolo, Nick lascia entrare l’amore e lo fa in modo genuino. Questo è un disco contraddistinto dalla delusione, testi amari e tristi, malinconici ed apocalittici. L’amore arriva, come nella title-track o in Do You Love Me?, ma fa danno.

Murder Ballads è il passaggio seguente, ciò che di solito arriva dopo: la rabbia. Nonostante sia perfettamente mascherato dallo stile ‘concept’, Murder Ballads sembra quasi lo sfogo di un vecchio rancore covato dentro per lungo tempo.

Le donne, in questo disco, rappresentano il male, il dolore…che sfocia, poi, nell’odio; come nei duetti con P.j. Harvey in henry Lee e con Kylie Minogue in Where The Wild Roses Grow e lo stesso accade in quasi tutti i restanti brani del disco.

La fine di questa trilogia sembrerebbe essere The Boatman’s Call.
Prendendo in esame quest’album, sia per quanto riguarda la musica che per ciò che concerne le liriche, viene quasi da pensare alla classica “quiete dopo la tempesta” ... ed è pressappoco così.

Il titolo di uno dei brani più rappresentativi del disco sembra, a tal punto, eloquente: Are You The One That I’ve Been Waiting For? Musicalmente molto è cambiato, prerogativa del disco è la serenità dei suoni aiutata anche dall’arrivo di un nuovo Bad Seed, Warren Ellis e le magiche note del suo violino.

Il disco, emotivamente molto forte, vede i suoi picchi maggiori nelle struggenti note di Idiot Prayer e Where Do We Go Now But Nowhere? o nel classico Into My Arms.

Da notare come il brano West Country Girl fosse dedicato a P.j. Harvey con cui Nick ebbe una relazione.

biografia

ver. stampabile indietro   avanti
Indice Biografia
  1. Le origini: The Boys Next Door & The Birthday Party
  2. La Nascita dei "The Bad Seeds"
  3. Da The Good Son a The Boatman's Call
  4. No More Shall We Part e la dipartita di Blixa
  5. Nascono i Grinderman, esce Dig Lazarus Dig
  6. Mick Harvey lascia la band, esce Grinderman 2
Nick Cave su Wikipedia
Nick Cave - Biografia by  Marco Piscopo is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia License.
Based on a work at www.nickcave.it/biografia.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.nickcave.it.
Creative Commons License
 
» Cerca Canzone

Se cerchi una canzone particolare e non conosci l'album, scrivi il titolo qui in basso:




Scopri i Dossier
Grinderman Discografia, testi e traduzioni.
The Birthday Party Biografia, discografia, testi e traduzioni. Con un tributo a Rowland S. Howard


NickCave.it sui social network
Facebook - Twitter
Instagram - Google+
Iscriviti ed avrai aggiornamenti, news e video in tempo reale! Youtube Ch1 Youtube Ch2
Due canali Youtube per trovare rari ed interessanti video.
Nick Cave.it » an Italian unofficial site about Nick Cave and his art » info & contacts